Proge…che?

Prima di approdare nel Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento, mi occupavo di progettazione su fondi pubblici.

Proge…che?

Progettazione su fondi pubblici!

Sei un architetto, quindi?!

Era questo lo scambio di battute innescato dalla mia risposta alla più classica delle domande: “Che lavoro fai?”.

Eppure, il mestiere del progettista su fondi pubblici è sempre più ricercato, perché permette a enti locali, università e centri di ricerca; associazioni, micro e PMI di realizzare idee e soluzioni innovative, che altrimenti resterebbero nel cassetto.

In cosa consiste, esattamente?

A questo punto della conversazione, iniziavo a sciorinare le molteplici attività di un un Project Designer:

analizzare le ipotesi progettuali (ossia le idee o soluzioni innovative da sviluppare);

individuare le opportunità di finanziamento a favore degli attori (pubblici e privati), che operano nei settori d’interesse;

ricercare eventuali partner pubblici e/o privati (Italiani e/o stranieri) da coinvolgere nella proposta progettuale e gestire le relazioni con il partenariato che si andrà a costituire;

redigere i contenuti tecnici e il piano economico-finanziario (in Italiano e Inglese);

supportare i partner nella produzione e raccolta della documentazione amministrativa richiesta dal bando.

Interessante!

Sì, soprattutto se il progetto è approvato e il cliente ti richiede di seguirne l’attuazione – attività propria del Project Manager.

La mia, da freelancer, è durata fino al 31 gennaio 2018. Il tempo di imbattermi nel CoreLab (una dinamica comunità di ricerca industriale nata in seno all’Università del Salento) e immergermi completamente nell’appassionante mondo del cibo del futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *